Controlli sanitari e counseling antifumo in un gruppo di ex esposti ad asbesto

E-mail (autore per corrispondenza): 
fladagostin@yahoo.it
Autore/i: 
D’Agostin Flavia, Negro Corrado, De Zotti Renata.
Istituto/i: 
U.C.O. Medicina del Lavoro. Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ospedali Riuniti di Trieste” Via Pietà 19 34129 Trieste
Discussione: 
Binary Data
Materiali e metodi: 
E’stato attuato un programma di controlli sanitari, volontari, tra soggetti ex esposti ad asbesto. Il protocollo prevede: esame clinico, accertamenti radiografici del torace e test di funzionalità respiratoria. L’abitudine al fumo è stata quantificata in pack-years; per i fumatori, sono state valutate la dipendenza e la motivazione alla cessazione attraverso i questionari di Fagerstrom e Richmond. Ai fumatori sono state date informazioni verbali e scritte sui danni da fumo; inoltre è stato predisposto un percorso privilegiato per coloro che desideravano smettere.
Risultati: 
Sono stati esaminati 671 uomini con età media di 66± 7,9 anni ed anzianità lavorativa di 23 ± 8 anni. Sono stati individuati 87 fumatori (13%), 372 ex fumatori (55%) e 212 non fumatori (32%). Nei fumatori il consumo medio di sigarette è risultato pari a 33 ± 17 pack-years. Gli ex fumatori avevano fumato mediamente 26± 20 pack- years e avevano smesso di fumare da 22 ± 12 anni. In base ai risultati degli accertamenti diagnostici: 83 soggetti non presentavano alcuna patologia, 230 presentavano patologia respiratoria professionale, 358 patologia non professionale. La presenza/assenza di patologie, professionali e non, è risultata significativamente diversa (p=0,003) in relazione all’abitudine al fumo: i fumatori presentavano più frequentemente patologie non professionali (67%), gli ex fumatori prevalentemente patologie respiratorie professionali (39%) e i non fumatori più frequentemente nessuna patologia (17%). In base al questionario di Fagerstrom solo il 10% presentava una dipendenza alta/molto alta e la disponibilità a smettere di fumare (test di Richmond) era alta/molto alta nel 50% dei casi. Solo un soggetto ha iniziato un percorso di disassuefazione.
Obiettivi: 
Lo scopo è valutare patologie, professionali e non, in relazione all’abitudine al fumo di sigaretta e verificare l’adesione, tra i fumatori, al counseling antifumo in un gruppo di ex esposti ad asbesto.