Incidenza del cancro della tiroide in base all’istotipo ed alle relative varianti nella provincia di Parma: anni 1998-2009

Titolo completo: 
Incidenza del cancro della tiroide in base all’istotipo ed alle relative varianti nella provincia di Parma: anni 1998-20
E-mail (autore per corrispondenza): 
ceresini@unipr.it
Autore/i: 
Graziano Ceresini 1, Luigi Corcione 2, Maria Michiara 3,4, Paolo Sgargi 4, Annalisa Gilli 3, Elisa Usberti 1, Enrico Silini 2, Andrea Ardizzoni 3,4, Gian Paolo Ceda 1
Istituto/i: 
1U.O. Clinica Geriatrica, SS di UO Endocrinologia Geriatrica, Università di Parma; 2Dipartimento di Anatomia Patologica, Università di Parma; 3U.O. Oncologia Medica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma; 4 Registro Tumori della Provincia di Parma - Parma
Obiettivi: 
L’incidenza del carcinoma della tiroide è in incremento in diversi paesi. Se questo fenomeno possa essere applicato a tutti i diversi tipi istologici ed alle relative varianti è tuttavia poco noto.
Materiali e metodi: 
Tutti i casi di cancro della tiroide diagnosticati nel periodo che va dal 1998 al 2009 nella popolazione della provincia di Parma (un’area a moderata carenza iodica) sono stati considerati in base al Registro Tumori della relativa popolazione provinciale. Stadio, dimensioni, focalità e varianti istologiche sono stati registrati dai referti dei relativi esami istologici. L’incremento medio annuale del tasso di incidenza standardizzato (MAI) è stato calcolato sull’intero periodo di 12 anni ed inoltre è stato valutato il rapporto del tasso standardizzato, con lo scopo di confrontare l’incidenza media standardizzata, tra i due periodi di 6 anni ciascuno :1998-2003 vs. 2004-2009.
Risultati: 
In totale, sono stati considerati 980 casi. E’ stato osservato un incremento del trend dell’incidenza per tutti i cancri della tiroide; l’incremento è stato continuo dall’anno 1998 fino all’anno 2002 ma non nel periodo successivo. L’incidenza del cancro della tiroide è stata osservata in incremento in entrambi i sessi. L’incremento dell’incidenza è stato osservato principalmente per il carcinoma papillare della tiroide (PTC), la variante follicolare del PTC ( FV-PTC), la variante a cellule alte del PTC ( TCV-PTC) ed il carcinoma di Hürthle (HC), mentre nessun significativo incremento è stato osservato per il carcinoma follicolare della tiroide. TCV-PTC è stato il solo istotipo per cui si è osservato un significativo (p<0.01) incremento proporzionale nel secondo periodo di 6 anni (2004-2009) della nostra osservazione. Solamente TCV-PTC and HC hanno mostrato un significativo MAI dopo l’anno 2002.
Discussione: 
Questi dati dimostrano che nella provincia di Parma l’incidenza del cancro della tiroide è incrementata nel periodo della nostra osservazione. Ciò è prevalentemente dovuto all’incremento delle forme differenziate. Gli incrementi più significativi sono stati osservati per le varianti aggressive degli istotipi base.